testata per la stampa della pagina
/
condividi

T.A.R.E.S.

T.A.R.E.S. (Tassa Rifiuti e Servizi) in vigore solo nell'anno 2013

Regolamento per la disciplina del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi
Delibera di Consiglio Comunale n. 200 del 29/11/2013

 
 

T.A.R.I. (componente IUC) in vigore dall' anno 2014 all'anno 2019

La TARI, istituita a decorrere dall'anno di imposta 2014, in sostituzione della TARES, è finalizzata ad assicurare la copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento, svolto in regime di privativa dai Comuni (legge 27 dicembre 2013 n. 147).
La TARI è dovuta da chiunque, persona fisica o giuridica, possiede, occupa o detiene a qualsiasi titolo locali o aree scoperte a qualunque uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti solidi urbani e assimilati.
Le tariffe applicate sono state determinate utilizzando il metodo approvato con il DPR n. 158/1999, che prevede una quota fissa e una variabile sia per le utenze domestiche sia per le utenze non domestiche.
Per le utenze domestiche il conteggio del tributo dovuto tiene conto delle superfici occupate e del numero dei componenti il nucleo familiare.
Per le utenze non domestiche il conteggio tiene conto delle superfici occupate e della tipologia di attività svolta.
All'importo complessivo della TARI occorre aggiungere il tributo provinciale, per le funzioni di tutela protezione ed igiene ambientale spettante alla Provincia di Trapani, calcolato nella percentuale del 5% degli importi dovuti al Comune.

La TARI è disciplinata con il Regolamento I.U.C. approvato con Delibera di Consiglio Comunale N. 166 del 09/09/14.

 
 

TARI ( in vigore dall' anno 2020)

 

L’articolo1, commi da 738 a 783, L. 160/2019 (Legge di bilancio 2020), inun’ottica di razionalizzazione e semplificazione, ha modificato ilsistema dell’imposizione immobiliare locale, stabilendol’unificazione di Imu e Tasi
Più precisamente, il comma 738prevede che, a partire dal 2020, l’imposta unica comunale (Iuc) èabolita, fatte salve le disposizioni relative alla tassa sui rifiuti(Tari), mentre la “nuova” Imu è disciplinata dalle disposizionidettate dai successivi commi da 739 a 783.
In sostanza, quindi,per la Tari rimangono ferme le vecchie disposizioni, la Tasi vienesoppressa e l’Imu viene ridisciplinata.
Si ricorda chel’imposta unica comunale era stata istituita dalla Legge distabilità 2014 (articolo 1, comma 639, L. 147/2013) ed era composta,appunto, dall’imposta municipale propria (Imu), di naturapatrimoniale, dovuta dal possessore di immobili (escluse leabitazioni principali) e da una componente riferita ai servizi,articolata nel tributo per i servizi indivisibili (Tasi), a caricosia del possessore sia dell’utilizzatore dell’immobile, e nellatassa sui rifiuti (Tari), destinata a finanziare i costi del serviziodi raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.è finalizzata ad assicurare la copertura dei costi relativi alservizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilatiavviati allo smaltimento, svolto in regime di privativa dai Comuni(legge 27 dicembre 2013 n. 147).
La TARI è dovuta da chiunque,persona fisica o giuridica, possiede, occupa o detiene a qualsiasititolo locali o aree scoperte a qualunque uso adibiti, suscettibilidi produrre rifiuti solidi urbani e assimilati.
Le tariffeapplicate sono state determinate utilizzando il metodo approvato conil DPR n. 158/1999, che prevede una quota fissa e una variabile siaper le utenze domestiche sia per le utenze non domestiche.
Perle utenze domestiche il conteggio del tributo dovutotiene conto delle superfici occupate e del numero dei componenti ilnucleo familiare.
Per le utenze non domesticheil conteggio tiene conto delle superfici occupate e della tipologiadi attività svolta.
All'importo complessivo della TARI occorreaggiungere il tributo provinciale, per le funzioni di tutelaprotezione ed igiene ambientale spettante alla Provincia di Trapani,calcolato nella percentuale del 5% degli importi dovuti al Comune.
Dal1° gennaio 2020 la TARI è disciplinata con il Regolamento approvatocon Delibera di Consiglio Comunale N. 171 del 03/09/2020.RegolamentoTARI (inserire allegato A)  Ilconsiglio Comunale con la delibera 178 del a1/09/2020 ha confermatoper l’anno 2020 le tariffe già deliberate nell’anno 2019.
Gliavvisi per il pagamento della TARI (tassa rifiuti) per l'anno2020 saranno recapitati,tali avvisi conterranno i modelliF24 già compilati da utilizzare per il pagamento.

Scadenzedi versamento

I RATA : scadenza 31 ottobre2020
II RATA : scadenza 30 novembre 2020
IIIRATA: scadenza 16 marzo 2021

Oltre aimodelli F24 utili per il pagamento delle tre rate, allegatoall'AVVISO c'è un quarto modulo F24 esso riporta l'importo annualedella tassa e dovrà essere utilizzato SOLO dai contribuenti che nonintendono versare a rate, ma in una unica soluzione.
In questocaso la scadenza è fissata al 30 NOVEMBRE.
E' superfluoprecisare che, nel caso di versamento della rata unica annuale, conscadenza 30 novembre, i modelli F 24 riportanti le rate NON devonoessere utilizzati, ma possono essere cestinati.
Parimenti, nelcaso che si opti per il pagamento delle tre rate, potrà esserecestinato il Mod. F 24 riportante l'intero importo.


QUALORALA RICEZIONE DELL’ AVVISO AVVENGA OLTRE LA SCADENZA STABILITA, ILPAGAMENTO DELLA PRIMA RATA VERRA’ CONSIDERATO REGOLARE SEEFFETTUATO ENTRO 15 GIORNI DAL RICEVIMENTO.Incaso di dubbi, ci si potrà rivolgere all'Ufficio Tributi che sarà,anche a disposizione dei contribuenti che per qualsiasi motivo nondovessero ricevere gli avvisi:
Via G. Garibaldi, ingresso 8-Tel.0923-993/269/274/288/275/371.
Orario di ricevimento delpubblico: lunedì, mercoledì e venerdì ore 8,30 – 13,00 Martedìe Giovedì ore 15,00 – 17,00.Si avvisa che a causa dell’emergenza Covid-19 l’ufficio ricevesolo per appuntamento chiamando i numeri soprariportati.

Perricevere il documento di riscossione in formato elettronico inviaree- mail a protocollogenerale@comune.marsala.tp.itmettendo come oggetto "richiesta TARI in formato elettronico" MODALITA' DI PAGAMENTO RESIDENTI ALL'ESTERONelcaso in cui non sia possibile utilizzare il modello F24 pereffettuare i versamenti TARI dall'estero, i contribuenti devonoeffettuare un bonifico utilizzando i codici IBAN di seguitoriportati:
COMUNEDI MARSALA "TARI 2020": IBAN IT 06 S 02008 25904000101356506codice BIC UNCRITM1K54 
- Importante:indicare nella causale del bonifico il comune, l'anno per il quale siversa la tassa e il codice fiscale del soggetto passivo.Pertutte le informazioni sull’erogazione del servizio e sui risultatiambientali è possibile consultare dalla home page del sito delComune di Marsala il “Portale Trasparenza servizio di Gestione deirifiuti urbani” (delibera ARERA 444/2019).
Ilconsiglio Comunale con la delibera 178 del 14/09/2020 ha confermatoper l’anno 2020 le tariffe già deliberate nell’anno 2019.

 
 
 
 
 
 
 

Modulistica