Comune di Marsala - 16 Aprile - RASSEGNA TEATRALE: DOMANI SILVIO ORLANDO ALL'IMPERO

  1. mappa

Contenuto

RASSEGNA TEATRALE: DOMANI SILVIO ORLANDO ALL'IMPERO

CLICCA PER INGRANDIRE LA FOTO

Ieri, al Comunale, successo per lo spettacolo "I Figli di Rosa e Ignazio"

Ancora un appuntamento con la rassegna teatrale promossa dal Comune di Marsala. Domani, martedý 17 aprile, all'Impero va in scena "LA SCUOLA", con Silvio Orlado: "Lo spettacolo pi¨ importante della mia carriera; fu un evento straordinario, entusiasmante, con una forte presa sul pubblico". ╚ tempo di scrutini, gli insegnanti devono decidere il futuro dei loro studenti. Tra speranze, ambizioni, conflitti sociali e personali, amori, amicizie e scontri generazionali, prendono vita i vari personaggi. Prevendita dei biglietti online sul circuito TicketOne, dove Ŕ pure possibile l'acquisto tramite "Bonus Cultura", riservato a studenti (18app) e insegnanti (carta docente). In provincia, i punti vendita convenzionati sono a Marsala ("I Viaggi dello Stagnone" - via Dei Mille), Trapani ("Egatour Viaggi" - via Amm. Staiti), Erice (Bar Tabacchi Fonte - via Argenteria) e Alcamo ("Cicerone Tour" - viale Europa).
Intanto, ieri Ŕ stato applauditissimo lo spettacolo "I Figli di Rosa e Ignazio". Al Teatro Comunale, col patrocinio dell'Amministrazione Di Girolamo, il regista Giacomo Bonagiuso ha straordinariamente portato in scena la Sicilia con i sui mille volti, proprio come hanno saputo raccontare le opere di Rosa Balistreri e Ignazio Buttitta. Sorprendente il riuscito mix di canti e cunti, suoni e poesie, cui hanno dato voce i bravissimi Guglielmo Lentini e Rosario Lisma. Sul palco, poi, sono stati i ritmi etnico-mediterranei de "I Musicanti" a rappresentare dolore, gioia, speranza, voglia di cambiamento, attaccamento alla terra e al mare, contraddizioni che caratterizzano il sentire siciliano. Bravissima tutta la band: Gregorio Caimi, Natale Montalto, Gianluca Pantaleo, Dario Li Voti e Debora Messina. Una voce, la sua, che ti fa riscoprire la Sicilia e te ne fa innamorare.

Alessandro Tarantino